La notte di don Abbondio

  • Clara Leri Università degli Studi di Torino
##plugins.pubIds.doi.readerDisplayName## https://doi.org/10.30451/am.v0i2.35

Abstract

La notte di don Abbondio, la prima del romanzo manzoniano, è descritta in tutte le sue fasi, dall’insonnia iniziale ai «sogni» affannosi al risveglio mattutino. Il lessico militare e diplomatico del monologo notturno del pavido curato rivela una potenza ironica che esploderà nel crescendo enumerativo onirico con le «schioppettate». Don Abbondio è paragonabile agli altri protagonisti dei notturni romanzeschi che a loro volta mettono in scena con i loro sogni un contenuto manifesto in gran parte corrispondente al contenuto latente. Già Freud e ancor più Matte Blanco sostengono che immagini oniriche si collocano in uno «spazio multidimensionale» e atemporale, difforme da quello tridimensionale della realtà diurna. In questo scenario agiscono le figure della condensazione, dello spostamento, dell’anamorfosi. Figure che l’autore dei Promessi Sposi intuisce con la chiaroveggenza dei poeti molto prima dell’origine della psicoanalisi.

Riferimenti bibliografici

I Promessi sposi. Testo del 1840-1842, a cura di Teresa POGGI SALANi, Milano, Centro Nazionale Studi Manzoniani, 2013
I Promessi sposi, a cura di Ezio RAIMONDI e Luciano BOTTONI, Milano, Principato, 1988
I Promessi sposi, a cura di Biancamaria TRAVI, Milano, Bruno Mondadori, 1993
I Promessi sposi. Storia della colonna infame, a cura di Angelo STELLA e Cesare REPOSSI, Torino, Einaudi-Gallimard, 1995
I Promessi sposi, a cura di Francesco DE CRISTOFARO, Milano, Rizzoli BUR, 2014
Cristina CAMPO, Gli imperdonabili, Milano, Adelphi, 1987
Giacomo DEBENEDETTI, Adda, quasi un destino, in «L’approdo letterario», 63-64, XIX, 1973
Giovanni DESTRI, Il monologo interiore nei «Promessi Sposi», in «Otto/Novecento», VI, 1982, pp. 5-46
Gianfranco FOLENA, L’italiano in Europa. Esperienze linguistiche del Settecento, Torino, Einaudi, 1983
Carlo Emilio GADDA, Scritti dispersi, in Saggi giornali favole e altri scritti, a cura di Liliana Orlando, Clelia Martignoni, Dante Isella, I, Milano, Garzanti, 1991
Giovanni GETTO, Letture manzoniane, Firenze, Sansoni, 1964
Pierantonio FRARE, La scrittura dell’inquietudine: saggio su Alessandro Manzoni, Firenze, Olschki, 2006
Mario LAVAGETTO, Freud, la letteratura e altro, Torino, Einaudi, 1985
Ignacio MATTE BLANCO, L’inconscio come insiemi infiniti: saggio sulla bi-logica, Torino, Einaudi, 1981
Mario PETRINI, Notti manzoniane, in «Studi mediolatini e volgari», 25, 1977
Ezio RAIMONDI, Le pietre del sogno. Il moderno dopo il sublime, Bologna, Il Mulino, 1985
Ezio RAIMONDI, Il romanzo senza idillio [1974], Torino, Einaudi, 1988
Ezio RAIMONDI, Sentire lo spazio, in Il senso della letteratura, Bologna, Il Mulino, 2008
Cesare SEGRE, Semiotica del buio, in Leggere i Promessi Sposi. Analisi semiotiche, a cura di Gio-vanni Manetti, Bompiani, 1990
Pubblicato
2019-12-02
Come citare questo articolo
LERI, Clara. La notte di don Abbondio. Annali Manzoniani, [S.l.], n. 2, p. 53-68, dic. 2019. ISSN 2611-3287. Disponibile all'indirizzo: <http://annali.casadelmanzoni.it/index.php/annali/article/view/35>. Data di accesso: 15 dic. 2019 doi: https://doi.org/10.30451/am.v0i2.35.
Fascicolo
Sezione
Saggi e studi